SUL SENTIERO DEI DUCATI  DALLE PIETRE DI MATILDE AI NARCISI DI CRINALE

Sentiero dei Ducati.jpg
verde.png

Per scoprire l’incontaminata bellezza di paesaggi naturali tra Appennino reggiano e Lunigiana orientale

per respirare lo spirito di terre di confine, tra borghi dimenticati  e temerarie Cooperative di Comunità

TRE MOTIVI PER PARTIRE

per incontrare lo sguardo e la passione di chi ogni giorno tiene vive le preziose tradizioni d’Appennino

#sentierodeiducati - #particonnoi

verde.png
verde.png

LA TUA GUIDA

Elisa_2.jpg

Eloise

     ⚠ IL VIAGGIO IN BREVE ⚠   

Luogo: da Quattro Castella a Sassalbo

Stile: ad anello

Durata: 7 giorni e 6 notti

Sistemazione: Rifugio, B&B, Appartmenti

Difficoltà: media

Consigli utili per lo zaino e Abbigliamento 

Contratto di Viaggio e Organizzazione Tecnica

DAL -- AL --

COSA VEDRAI

Un viaggio tra passato e presente, lungo sentieri e mulattiere dimenticati.
Attraverso il fascino delle terre di Matilde di Canossa, esploreremo il Sentiero dei Ducati dalle colline reggiane alla Lunigiana orientale.
Nel respiro della Primavera, scopriremo dell’eccezionale impianto difensivo chiamato “scacchiere attonide”, incontreremo un torrente dal fare insolito tanto da scorrere in direzione ostinata e contraria, incisioni rupestri e borghi incantati.

PROGRAMMA:

1° giorno: km 13,5 - Dislivelli +900m

Quattro Castella - Rossena

Ritrovo alle 9:00 presso il Parcheggio della Chiesa Sant’Antonino Martire - Quattro Castella (RE), raggiungibile in autobus dalla stazione di Reggio Emilia.

Con partenza alla base delle Quattro Castella, sarà la Contessa Matilde di Canossa a darci il benvenuto. Passo dopo passo sui fondali marini dei calanchi reggiani conquisteremo alcuni tra i più suggestivi baluardi delle Terre di Canossa. Con vista mozzafiato trascorreremo la notte in un castello senza farci mancare una cenetta dal sapore tutto emiliano.

2° giorno: km 17,5 - Dislivelli +850m

Rossena - Verlano

In questa seconda tappa andremo alla scoperta di borghi medievali, pievi centenarie e preziosi castagneti nel cuore dell’area MAB Unesco, niente di meglio per apprezzare l’identità del paesaggio del medio Appennino Reggiano. La sera verremo deliziati dalla cucina e dal calore di un borgo tipico della Val d’Enza.

 
3° giorno:
 km 11,5 - Dislivelli +650m

Verlano - Scalucchia - Vetto

Puntiamo dritto a sud-ovest per immergerci nel selvaggio paesaggio naturale della Val Tassaro: incontreremo la passione di gente d’Appennino che sceglie di custodire e tramandare le tradizioni della montagna reggiana, il fascino di spirituali incisioni rupestri e fragili formazioni di calcare al cospetto di cascate scavate nel ventre di marne e arenaria. Transfer da Scalucchia a Vetto per l'arrivo in struttura.

4° giorno: km 13 - Dislivelli +750m

Vetto - Succiso Nuovo

Con lo sguardo sulla Valle dell’Enza andremo alla volta di un museo della Civiltà Contadina per poi raggiungere la suggestiva Valle dei Cavalieri: terra di confine, di mastri scultori e non ultimo culla di una tra le più brillanti Cooperative di Comunità nel panorama italiano.
Qui tradizione e gusto la fanno da padrone. Transfer da Gottano di Sopra a Pieve di S.Vincenzo.

5° giorno: km 12 - Dislivelli +700m

Succiso Nuovo - Rigoso

Salutata l’Alpe di Succiso sarà la volta di faggete e torrenti d’alta quota.
Lago Paduli ci indicherà la strada per conoscere la storia di Linari fino a condurci ad un grazioso borgo in pietra dove ad attenderci sarà l’ospitalità di un’altrettanta innovativa ed intraprendente Cooperativa di Comunità

6° giorno: km 12,5 - Dislivelli +700m

Succiso Nuovo - Camporaghena 

Gambe in spalla! Monte Acuto ed Alpi Apuane ci accompagneranno per l’intero viaggio alla scoperta di incantevoli borghi di pietra, mulini sospesi nel tempo e antiche vie di transumanza, fino ad incontrare la contagiosa passione di persone che scelgono ogni giorno di restituire valore ad Appennino. Pura magia di Lunigiana segreta.

 

7° giorno: km 4 - Dislivelli +300m

Camporaghena - Sassalbo

A darci il buongiorno saranno fioriture di crinale mozzafiato e ambienti di origine carsica. Per un saluto coi fiocchi eccoci alla volta di una ridente borgata posta alla base di un suggestivo Sasso Bianco: ad accoglierci il calore di una famiglia locale decisa a coltivare le tradizioni di un magnifico castagneto secolare! Transfer da Sassalbo a Quattro Castella per il rientro.

PREZZO:

710,00 € per persona per gruppi con 4-5 iscritti

560,00 € per persona per gruppi con 6-7 iscritti

480,00 € per persona per gruppi con 8+ iscritti

Sistemazione: abbiamo selezionato piccole strutture ricettive che da generazioni sono "ospitalieri" del nostro territorio. Le camere sono doppie, triple,  quadruple o camerate. Essendo un gruppo è richiesto spirito di adattamento e comunità.

La quota comprende:

  • Pernottamento con colazione; 

  • Trasporto bagagli da una struttura all'altra;

  • Guida GAE che vi accompagna per tutto il viaggio;

  • Transfer dove indicato nel programma;

  • Copertura assicurativa di responsabilità civile.

 La quota non comprende: 

  • Supplemento camera singola;

  • I Pranzi, le cene, alimenti e bevande supplementari ed extra in genere;

  • Trasferimenti con i mezzi pubblici.

  • Tassa di soggiorno dove prevista da pagare in struttura;

  • Tutto quanto non indicato nella voce “la quota comprende”.

NOTE:

È richiesto una caparra di 50 euro al momento della prenotazione.  

Il trekking verrà effettuato al raggiungimento di 4 persone paganti. 

La guida si riserva di modificare il programma e l'itinerario in base alla composizione del gruppo e al meteo.

Per favorire l'aggregazione e agevolare il gruppo la camera singola è sconsigliata e in alcuni posti non sarà proprio disponibile. 

sentierodei ducati.jpg