top of page

MULINO PARRINI: LA FORZA DELL’ACQUA E DELLA PIETRA LUNGO LA VIA DEGLI DEI

Lo scorso 22 marzo, in occasione della Giornata mondiale dell'acqua, siamo andati a conoscere un luogo molto particolare...


Che tu stia percorrendo la Via degli Dei o che semplicemente stia trascorrendo una giornata all’aria aperta nei piccoli borghi del Mugello, se ti ritrovi a passare da Sant’Agata a piedi potresti vivere un'esperienza veramente… Zen!

E a cosa si pensa quando ci riferiamo alla filosofia Zen? Al dolce rumore dello scorrere dell’acqua e al suo potere rilassante e curativo per la nostra mente e, a Sant’Agata, se ci soffermiamo un po’ andando a scoprire un suo preziosissimo tesoro, il potere dell’acqua ci sorprenderà, con tutta la sua forza generatrice.

Abbiamo deciso di recarci al Mulino Parrini, a Sant’Agata, in Mugello, a valle della confluenza dei torrenti Romiccioli e Cornocchio. Un mulino che racconta una storia antica e moderna, di dedizione e recupero delle tradizioni della nostra terra, di una famiglia che oggi accoglie i camminatori della Via degli Dei con un caratteristico affittacamere.

La storia del Mulino ce la facciamo raccontare direttamente dalla voce dei protagonisti, che abbiamo incontrato nel loro ambiente, tra macine e farina, tra chiuse e cascate.


“Mi chiamo Giovanna, io e le mie figlie Rosa e Margherita abbiamo aperto alla fine di Aprile 2019 un affittacamere non professionale nell’appartamento che era di mio suocero e in cui viveva Rosa. Si è creata un'impresa di famiglia che serve anche ad unirci: io e Rosa che viviamo qui ci occupiamo dell'accoglienza, Margherita della comunicazione.” Una famiglia che accoglie il viandante con tanto calore, donne liete di conoscere ogni giorno persone nuove con le quali scambiare esperienze, pronte a risolvere ogni problema degli ospiti, dispiaciute soltanto quando si trovano costrette a negare l'ospitalità a persone stanche nei periodi di grande affluenza.

Davanti all’affittacamere notiamo un’attraente piccola piscina, molto particolare che attira la nostra attenzione… ci è svelato che anche questa raccolta d’acqua faceva parte del circuito idrico del mulino.

“Il punto di forza della nostra struttura è proprio la presenza e l'attività dell'antico mulino” prosegue Rosa.

“Un mulino ad acqua ancora funzionante appartenente alla famiglia di mio nonno Santi, conosciuto da tutti come Tonio. Lo possiamo definire l’ultimo mugnaio del Mugello (nel senso proprio del termine) e fino alla fine lui ha lavorato al mulino, come aveva sempre fatto, nonostante i primi mulini meccanici degli anni ‘70 avessero già sostituito quelli tradizionali.”

Mi mostrano fiere la targa che attesta il riconoscimento dall’Associazione Italiana Amici dei Mulini Storici e le foto del nonno Tonio bianco di farina, all’opera alle sue macine in pietra.


Si riconoscono antichi attrezzi che ancora oggi possiamo ammirare in mostra, davanti alle macine, nella sala frutto di un accurato recupero di ambienti e materiali legati all’attività del mulino.

La storia di questo Mulino è interessante perché non è solo uno sguardo sulla storia passata ma è anche il racconto di un presente molto attivo, con persone che si impegnano ogni giorno per la tutela della nostra tradizione e per la diffusione di una sana cultura del cibo genuino a km. 0. L’accoglienza non ci è stata fatta solo dalle padrone di casa, ci hanno accolto anche le altre donne che si occupano del Mulino: Lucia e Chiara e le panificatrici Silvia, Chiho e Susanna.


Come sono riuscite, un gruppo di donne, a ridare vita a questo luogo storico che rischiava di andare in rovina? Per Lucia, è stato un colpo di fulmine, ad un mercato nel 2021 con il suo GAS, un Gruppo di Acquisto Solidale che già si impegnava per trasmettere un diverso stile di vita e di nutrizione.

E la storia della famiglia Parrini e del loro mulino incarnava il loro ideale di sostenibilità, con l’opportunità di ricreare una filiera del pane. Nel 2022 avevano già fondato l’Associazione Mulino Parrini che ha riscosso subito un grande successo e con l’aiuto di tanti, con un crowdfunding sempre attivo per il suo mantenimento, sono riuscite a riportare in vita questo storico mulino ad acqua che oggi ha pure ricominciato a panificare: con la messa in funzione non solo del meccanismo a ritrecine del mulino che alimenta le sue pale di pietra, ma anche del laboratorio per la preparazione dell’impasto e del forno per cuocere il pane. https://www.mulinoparrini.it/

Con soddisfazione conclude Lucia, oggi presidente dell’Associazione: “Incoraggiante è stata anche la risposta degli abitanti della zona: oltre ad apprezzare il recupero della memoria storica del Mulino, si sono affezionati al nostro pane.”

Ora, se hai la fortuna di passare da Sant’Agata il lunedì o il martedì, allora i tuoi sensi saranno gratificati in modo completo: oltre al gorgoglio dell’acqua potrai godere dello spettacolo di giochi d’acqua e del profumo del pane appena sfornato!


Adesso godiamo insieme della freschezza e dell’armonia di queste acque con video e foto scattate durante la nostra visita, con nostra grande meraviglia e lo stupore di scoprire un paradiso “tropicale” tra le antiche case del borgo di Sant’Agata.


587 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page